AEROPORTO, QUANTO COSTERANNO GLI ULTERIORI 8 MESI DI INATTIVITA’ IN ATTESA DEI PRESUNTI VOLI FLYVOLARE?

Perugia, 06 dicembre 2017 – “Il nuovo accordo raggiunto dalla Sase con la compagnia FlyVolare desta serie preoccupazioni sulle strategie di gestione del nostro aeroporto. Dopo i precedenti dell’estate scorsa, con i danni economici e di immagine che ne sono derivati, si decide infatti di tornare a considerare il vettore che li ha causati come interlocutore per ampliare l’offerta del San Francesco d’Assisi. Quindi, non solo i voli che avrebbero dovuto decollare da luglio non sono partiti, ma ora bisognerà attendere fino ad aprile, ovvero altro tempo, per poterne, forse, disporre. E questi ulteriori otto mesi di inattività quanto costeranno ai contribuenti e all’Umbria tutta? E’ stato valutato che, nel frattempo, nulla è cambiato ovvero FlyVolare non ha ancora autorizzazioni e concessioni e quindi si deve appoggiare ad un’altra compagnia per garantire le rotte? Viene naturale domandarsi ma perché si devono sostenere i costi di questa intermediazione? A questo punto, il contratto lo si faccia direttamente con il vettore su cui prevede di appoggiarsi FlyVolare”. E’ tornata a ribadirlo, alla luce delle ultime notizie sulle decisioni assunte dal cda della società che gestisce lo scalo umbro, Adriana Galgano, deputata di Civici e Innovatori che aggiunge: “Inoltre, desta perplessità anche la decisione di Umberto Golinelli di ritirare le dimissioni dato che la ragione che lo aveva spinto a lasciare era rappresentata, come da lui stesso precisato, proprio dalla gestione dei rapporti con FlyVolare. Infine, cosa ne pensano i soci della Sase di queste decisioni? Possibile che sembra che interessino solo al consigliere Ricci, all’avvocato Caforio e alla sottoscritta?”.

EX OTTAGONO, DOPO 17 ANNI DI ABBANDONO SI AFFRETTI LOCAZIONE

Perugia, 1 dicembre 2017 – “Sono lieta di apprendere che l’immobile ex Ottagono di Fontivegge, a Perugia, sia stato destinato a residenza per studenti e che siano in corso interlocuzioni per locarne gli appartamenti. Una soluzione che ha senso visto che la zona è servitissima e che l’arrivo degli universitari, che vivono il quartiere di giorno e di notte, contribuirà ad allontanare le attività illecite. Tuttavia, mi dichiaro parzialmente soddisfatta dalla risposta del governo perché l’esito non è ancora certo. Devo segnalare, infatti, che l’ex Ottagono versa in stato di abbandono da 17 anni e che continua ad essere un aggregatore per soggetti senza fissa dimora che alimentano le attività di microcriminalità. Questa assenza di destinazione rappresenta, quindi, un rischio per tutti i residenti e i commercianti del quartiere che, ogni giorno, si impegnano per combattere i fenomeni di spaccio e prostituzione. Per cui sollecito il governo ad adoperarsi per fare in modo che, quanto prima, si arrivi effettivamente alla locazione degli spazi dell’ex Ottagono ponendo fine ai fenomeni di occupazione abusiva”. Così Adriana Galgano, deputata di Civici e Innovatori, discutendo in commissione Finanze, la sua interrogazione per conoscere modalità e tempi del recupero dell’immobile sito nel quartiere di Fontivegge.

Leggi tutto

AST, TK E GOVERNO RIFERISCANO SU ACCIAERIE TERNI

Roma, 30 novembre 2017 – “A fronte dell’annuncio dell’ad di ThyssenKrupp, Heinrich Hiesinger sulla volontà di mettere sul mercato la Acciai speciali di Terni, ho depositato un’interrogazione chiedendo al governo di convocare, con la massima urgenza, un tavolo al quale partecipino i vertici della multinazionale, le istituzioni locali e le rappresentanze sindacali affinché vengano esplicitate le strategie a medio e lungo termine sul futuro delle produzioni di acciaio inossidabile a Terni e in Italia, anche in ragione delle pesanti ripercussioni produttive e occupazionali che rischiano di aversi sul sito umbro”. A dirlo è Adriana Galgano, deputata di Civici e Innovatori, annunciando di aver depositato un’interrogazione che verrà discussa nei prossimi giorni.

Leggi tutto

AEROPORTO, BASTA IMPROVVISAZIONE. SERVONO POLITICHE SERIE DI RILANCIO

Perugia, 29 novembre 2017 – “Dopo quanto accaduto la scorsa estate e la diffida di Enac, la Sase sta valutando la possibilità di sottoscrivere un nuovo contratto con la compagnia FlyVolare che, non avendo ancora ottenuto le autorizzazioni e le concessioni per effettuare voli, dovrebbe garantire le rotte appoggiandosi ad un altro vettore. Chiedo ai vertici della Sase per quale motivo serva l’intermediazione di FlyVolare e non possa direttamente fare il contratto con il nuovo vettore evitando di far pagare sovrapprezzi inutili ai viaggiatori? Naturalmente ci aspettiamo che, eventualmente, la scelta del nuovo vettore avvenga dopo aver effettuato tutte le più severe verifiche sull’affidabilità e la sicurezza dello stesso e non con la superficialità con cui si sono sottoscritti gli accordi con FlyVolare e Fly Marche. Sarebbe un danno enorme , economico e di immagine, se i viaggiatori che acquistano i biglietti dovessero ritrovarsi nuovamente a terra”. Ad intervenire nel dibattito sull’aeroporto di Perugia è Adriana Galgano, deputata di Civici e Innovatori, che ricorda come “tra l’altro, FlyVolare debba ancora restituire i 500mila euro ricevuti a titolo di anticipo e sarebbe ora che lo facesse”.

Leggi tutto

SIGARETTE ELETTRONICHE, MONOPOLIO IPOTESI MIOPE

Roma, 29 novembre 2017 – “Includere le sigarette elettroniche tra i prodotti soggetti al monopolio è una decisione miope. Significa imporre almeno 9,5 milioni di euro di costi a carico dei produttori che si scaricheranno sui prezzi con un conseguente forte disincentivo al consumo. Mentre, oncologi di fama mondiale come il compianto Veronesi e Tirelli hanno dichiarato più volte di considerare le sigarette elettroniche un importante strumento di prevenzione“. È quanto dichiarato in una nota congiunta dai deputati Adriana GalganoIvan Catalano di Ci-Epi.

Leggi tutto

PARAFARMACIE E LIBERALIZZAZIONI, LA POLITICA TORNI A RAPPRESENTARE INTERESSE GENERALE

Perugia, 28 novembre 2017 – “Parafarmacie e liberalizzazioni: quale futuro?” è il titolo dell’incontro, organizzato da Altroconsumo, che si è svolto all’hotel Giò Jazz Area di Perugia e che ha visto confrontarsi sul tema Laura Filippucci, referente dell’area Inchieste salute dell’associazione dei consumatori, Stefano Migliori, vicepresidente della Federazione Parafarmacie Italiane, Fabio Romiti, vicepresidente del Movimento nazionale liberi farmacisti, Alberto Moretti, direttore marketing canali distributivi Conad, e Adriana Galgano, deputata di Civici e Innovatori. A coordinare i lavori il giornalista Matteo Lombardi e David Alessio Fortuna di Altroconsumo Umbria.

Leggi tutto

EX NOVELLI, PIU’ TRASPARENZA SU RISPETTO ACCORDO E INVESTIMENTI

Roma, 18 novembre 2017 – “Apprezziamo molto che il governo stia monitorando la vertenza ex Novelli ma chiediamo che, al tavolo negoziale convocato al Mise, si ponga un’attenzione particolare all’attuazione del piano degli investimenti e si valuti la reale capacità di questa azienda di sostenerli. Siamo, infatti, sconcertati nell’apprendere che ad aprile ci sia stato l’impegno a porre in essere 30 milioni di euro di investimenti e che, a distanza di qualche mese, si chieda un concordato al tribunale di Castrovillari i cui giudici, tra l’altro, hanno dovuto concedere una proroga per far modificare le disposizioni di rientro”. A dirlo Adriana Galgano, deputata di Civici e Innovatori, discutendo la sua interrogazione sulla vertenza ex Novelli nella quale si chiedeva al governo di adoperarsi per evitare che si arrivi al fallimento di uno dei marchi storici del ‘made in Italy’ e dell’economia umbra.

Leggi tutto

E78, SI RIPORTI IL PROGETTO A 4 CORSIE. BACINO DI UTENZA SI CREA CON INFRASTRUTTURE

Roma, 17 novembre 2017 – “Nella risposta del governo alla mia interrogazione sulla E78 si afferma che il tratto umbro è stato ridimensionato da quattro a due corsie perché non c’è un bacino d’utenza sufficiente a giustificare la realizzazione di una superstrada. Ma l’esperienza mi insegna che non bisogna prendere per oro colato tutto ciò che viene detto su questo aspetto. Proprio oggi, infatti, dopo anni in cui ci siamo sentiti ripetere che per il Frecciarossa per Milano da anticipare da Arezzo a Perugia non ci sarebbe stato un numero di utenti sufficienti, sui giornali si afferma che partirà la sperimentazione in Umbria proprio perché il bacino d’utenza c’è”. Così Adriana Galgano, deputata di Civici e Innovatori, ha replicato al sottosegretario ai Trasporti e alle Infrastrutture, Del Basso De Caro discutendo la sua interrogazione per chiedere al governo di modificare il progetto della E78 riportando il tratto umbro a 4 corsie così come previsto in origine.

Leggi tutto

ALTA VELOCITA’, FRECCIAROSSA PER MILANO GIA’ CON ORARIO INVERNALE. E’ URGENTE

Perugia, 16 novembre 2017 – “La sperimentazione sull’anticipo del Frecciarossa per Milano da Arezzo a Perugia deve partire da subito, in concomitanza con l’entrata in vigore dell’orario invernale. Abbiamo già perso troppo tempo: si pensi, infatti, che da quando il ministro Delrio – rispondendo ad una mia interrogazione proprio sull’Alta velocità in Umbria – ha dichiarato la propria disponibilità a convocare Trenitalia e Italo per valutarne la fattibilità, è trascorso quasi un anno. Un’eternità, se consideriamo che la Basilicata, nel 2016, ci ha messo solo tre mesi per disporre dei collegamenti veloci. E’ davvero arrivato il momento di chiudere le trattative e far partire i Freccia da Fontivegge”. A chiederlo è Adriana Galgano, deputata di Civici e Innovatori, che torna sulla questione dell’allaccio dell’Umbria all’Alta velocità.

Leggi tutto

IOSA CARLO SRL, GOVERNI SI ATTIVI PER EVITARE ENNESIMO FALLIMENTO

Perugia, 15 novembre 2017 – “A fronte della crisi che ha colpito la Iosa Carlo srl di Terni e del possibile fallimento che si prospetta, ho depositato un’interrogazione per sottoporre il caso al governo chiedendo che si attivi per per scongiurare la chiusura di un’azienda strategica per il territorio ternano, già duramente colpito dalla crisi economica, ed evitare la dispersione di un ricco patrimonio di valori economici, professionali e ambientali di cui la stessa è portatrice”. Ad annunciarlo è Adriana Galgano, deputata di Civici e Innovatori, che aggiunge: “Dobbiamo lavorare per evitare che si allunghi l’elenco delle imprese in crisi o, peggio, in fallimento. La Iosa Carlo srl, infatti, occupa, da sola, 140 lavoratori ai quali vanno aggiunti anche gli occupati dell’indotto. Una realtà importante anche per le competenze e il know how costruiti nell’arco di cinquant’anni di attività che le hanno permesso, nel 2009, di essere l’unica azienda in Umbria ad ottenere l’autorizzazione integrata ambientale per la gestione di un impianto di trattamento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi. Un patrimonio, quindi, che va preservato e mantenuto”.

Leggi tutto